Un fabbricante di DM su misura e fornitore di ASL chiede: “Come va correttamente compilata, nella fattura elettronica, la sezione dei dati identificativi dei beni nel caso di DM su misura?”

Rispondono gli esperti: Riccardo dainese, Eumed srl – Sandro storelli, OBV.

In relazione nell’applicazione dell’art. 9 ter, comma 6 del D.L. 19 giugno 2015, n. 78 convertito con modificazione dalla legge 6 agosto 2015, n. 125 per i fornitori delle aziende sanitarie e ospedaliere e degli enti del SSN di dispositivi medici su misura e di fabbricanti di dispositivi medici non soggetti alla registrazione nella Banca Dati e nel Repertorio del Ministero della Salute previsti dal decreto del 21 dicembre 2009 è intervenuto il Ministero dell’Economia con decreto del 3 aprile 2013, n. 55 e successivamente il Ministero della Salute con circolari DGSISS-0003251-P del 19.02.2016 e DGSISS 0003251-P del 21.04.2016 recanti in oggetto “Fatture elettroniche riguardanti i dispositivi medici”.

Il formato della fattura elettronica previsto con il regolamento di cui al decreto del MEF n. 55/2013 prevede una sezione dedicata ai dati identificativi dei beni e servizi oggetto di acquisto che nel tracciato della fattura elettronica stessa è rappresentato da un CODICE ARTICOLO articolato in Codice Tipo e Codice Valore.

Per i DM su misura, che non sono tenuti alla registrazione nella Banca Dati / Repertorio del Ministero della Salute, nelle relative fatture elettroniche di vendita alle aziende sanitarie e ospedaliere e degli enti del SSN, il campo DMX con X (1 – 2 – 0) va compilato con il valore 0 (zero); ugualmente va compilato e trasmesso con il valore 0 (zero) anche il campo .